Regolamento

ART.1. COMPOSIZIONE DELL’ASSEMBLEA
  1. Fanno parte dell’Assemblea con diritto di voto:
    1.  tutti i Capi e gli Assistenti Ecclesiastici censiti nella Zona di Modena;
    2. gli adulti in servizio educativo censiti nella Zona di Modena che stanno ancora completando l’iter formativo;
    3. i capi/adulti che seppur a disposizione svolgono un qualsiasi servizio su incarico della propria Co.Ca; sarà cura delle Co.Ca segnalare i nominativi di tali capi/adulti.
  2. Fanno parte dell’Assemblea con solo diritto di parola:
    1. i capi/adulti non rientranti nel punto 1).

 

ART. 2. COMITATO DI ZONA
  1. Il Comitato di Zona è composto da un Responsabile, da una Responsabile, da un Assistente Ecclesiastico, e da un Collegio composto da:
    • 3 Capi a cui sono affidati incarichi sulla base degli obiettivi del progetto di Zona;
    • 1 incaricato e 1 incaricata alla branca L/C;
    • 1 incaricato e 1 incaricata alla branca E/G;
    • 1 incaricato e 1 incaricata alla branca R/S.
  2. Tra i membri elettivi del Comitato deve essere garantita una giusta rappresentanza dei due sessi.
  3. Il Comitato nomina gli eventuali Incaricati ai settori in conformità al progetto di Zona.
  4. Tutti i Capi in servizio o a disposizione censiti nella Zona di Modena possono essere eletti al Comitato di Zona in qualità di Responsabili o di membri al collegio.
  5. Tutti gli adulti in servizio educativo o a disposizione che siano censiti nella Zona di Modena che abbiano già partecipato al CFA e abbiano già in corso la richiesta di Nomina a Capo, possono essere eletti in Comitato di Zona
    nella sola qualità di membri al Collegio.
  6. I Capi eletti Responsabili di Zona entrano in carica all’inizio del nuovo anno scout (1° settembre) ; in caso di dimissioni o di elezioni al collegio l’effetto è immediato.
  7. L’incarico in Comitato di Zona ha durata quadriennale, rinnovabile una sola volta consecutivamente per un biennio.

 

ART. 3. DELEGATI ALL’ASSEMBLEA REGIONALE DELL’EMILIA ROMAGNA
  1. I delegati all’Assemblea Regionale sono eletti come previsto dal Regolamento dell’Assemblea Regionale in vigore alla data dell’Assemblea di Zona e portato preventivamente a conoscenza di tutti i Capi tramite il Consiglio di Zona.

 

ART. 4. VALIDITA’ DELL’ASSEMBLEA
  1. Affinché l’assemblea possa validamente deliberare è necessario che siano presenti i 4/5 dei gruppi censiti in zona, nonché il 30% degli aventi diritto al voto in proprio (arrotondato in eccesso).
  2. All’inizio dei lavori sarà verificato il numero legale a cura dei Responsabili di Zona.
  3. Se in seguito a verifica si constata la mancanza del numero legale l’Assemblea è sospesa.
  4. Ai fini del computo del quorum non rientrano coloro che, pur avendo diritto di voto, non prendono parte all’assemblea in quanto impegnati in eventi associativi organizzati a livello nazionale e/o regionale.

 

ART. 5. DELIBERAZIONI
  1. Le deliberazioni/mozioni vengono prese mediante simultanea votazione a scrutinio palese o segreto. Le votazioni riguardanti persone sono sempre effettuate a scrutinio segreto.
  2. Le deliberazioni/ mozioni sono approvate quando ottengono la maggioranza dei voti espressi ( favorevoli o contrari ).
  3. Ogni Co.Ca. ha diritto di fare partecipare per delega fino al 20% degli aventi diritto al voto. Ogni membro dell’assemblea non può rappresentare più di una persona per delega.

 

ART.6. DELIBERAZIONI RIGUARDANTI PERSONE
  1. Affinchè un candidato possa essere eletto è necessario che ottenga il 50% più uno dei voti dei presenti aventi diritto al voto.
  2. Possono essere votate solo candidature di persone che in modo palese ed inequivocabile abbiano accettato la candidatura.
  3. In caso di più candidati al collegio risultano eletti coloro che ricevano il maggior numero di voti oltre il quorum.
  4. Se dopo la prima votazione rimangono cariche vacanti si ripete la votazione per una volta fra primi i candidati non eletti, in numero pari ai posti rimasti vacanti aumentato di uno, e fermo restando il quorum di cui all’articolo precedente.
  5. In caso di elezione ad un incarico specifico, se nessuno dei candidati raggiunge il quorum di cui al comma 1, si procede ad una elezione di ballottaggio tra i due candidati più votati nella prima votazione.

 

ART.7. CONVOCAZIONE
  1. La convocazione dell’Assemblea avviene a cura dei Responsabili di Zona con un congruo preavviso, comunque non inferiore a 1 (uno) mese; tale termine può essere derogato su espressa delibera del Consiglio di Zona.
  2. Alla formazione dell’ordine del giorno provvedono i Responsabili di Zona su proposta del Comitato e del Consiglio di Zona; ogni Co.Ca può chiedere che vengano messi all’ordine del giorno argomenti di suo interesse, purché presentati in tempo utile per esservi inseriti.
  3. In ogni ordine del giorno deve essere inserita la voce “varie ed eventuali”.

 

ART.8. SVOLGIMENTO DEI LAVORI
  1. La presidenza è assunta dai Responsabili di Zona che possono avvalersi di un Segretario e almeno 2 (due) Scrutatori; per l’esame di eventuali mozioni viene formato, se necessario, un Comitato mozioni che, d’intesa con i presentatori può apporre modifiche formali alle mozioni stesse, nonché coordinare tra loro le mozioni di contenuto analogo.

 

ART.9. DISCUSSIONE
  1. Coloro che intendono parlare hanno la parola, salvo diverso avviso dei presidenti, nell’ordine d’iscrizione, mentre coloro che chiedono la parola per mozione d’ordine hanno diritto alla parola al termine dell’intervento in corso.
  2. Il dibattito sulle mozione d’ordine è solitamente limitato ad un intervento a favore e uno contro, quindi la mozione viene messa ai voti.

 

ART.10. REGOLAMENTO
  1. La deliberazione di abrogazione totale del presente Regolamento non è valida se non è accompagnata da un nuovo testo che sostituisca il precedente.

Commenti chiusi